Come ogni venerdì, il Depero Club, dà spazio alle giovani band del panorama italiano. Questo venerdì 18 novembre saliranno sul palco del club reatino di Via Terenzio Varrone i “Violacida”. I Violacida sono in quattro, arrivano da Lucca (precisamente dal quartiere San Donato) e suonano insieme da 2010. Nel dicembre 2011 sono finalisti della ventitreesima edizione del “rock contest” di controradio, vetrina che li proietta velocemente nel panorama musicale toscano. Nel gennaio 2012 pubblicano sul web il loro primo ep titolato “siamo tutti poveracci” e nello stesso anno iniziano a registrare il primo lp “storie mancate”. Il loro nome? Ci tengono a sottolineare che è un nome «senza significato ed intenzione, che si appropria del diritto di essere, fare, e suonare ciò che al momento gli va». Dopo un cambio di formazione nel 2015 rientrano in studio per registrare il loro secondo lp dal titolo “La migliore età” uscito ad ottobre di questo anno. La migliore età è un disco sincero e compatto, dove la produzione artistica di Manuele Fusaroli (Tre allegri ragazzi morti, Management del dolore post-operatorio, Voina Hen), aka Max Striner ha colto e valorizzato l’estetica sonora dei quattro ragazzi. Grazie al linguaggio evocativo e graffiante, “La migliore età” è una piccola perla del nuovo indie-pop nostrano. Un lavoro fresco «fatto di passeggiate in città deserte, lacrime, voli pindarici con la fantasia, l’ossessione del tempo che fugge e non torna, tra bottiglie piene, vuoti profondissimi e qualche rimpianto».